1 - 14512345...102030...»

Monaco: Preoccupazione e solidarietà

Monaco ha alle spalle una notte di caos e paura. Questo ci tocca. Monaco è la metropoli a noi più vicina geograficamente e molti di noi vi hanno dei legami per motivi di studio, lavoro o parentela.

Noi Verdi del Sudtirolo esprimiamo la nostra solidarietà con gli abitanti di Monaco e il nostro cordoglio ai parenti delle vittime.

I fatti e lo sfondo dell’assassinio di 10 persone verranno chiariti presto, questa è la nostra speranza, e si capirà se è un gesto folle di un singolo o se deve essere inquadrato in una più vasta strategia di terrorismo.

Comunque resta grande lo spavento in tutta Europa. Una crescente tensione e la perdita di solidarietà forse sono i motivi che stanno dietro ad atti del genere. Proprio per questo siamo tenuti a tenere alti i valori di pace, solidarietà e giustizia sociale. L’unica via, forse, per uscire da paura e insicurezza.

Bozen/Bolzano, 23.07.2016

Brigitte Foppa und/e Hans Heiss,
Co-Landesvorsitzende / Co-Portavoce Provinciali

Il grande esodo dagli assessorati

Pyramide L’auto-eliminazione dei direttori di dipartimento è un chiaro segnale che sono superflui 

Nel congratularci con il Comune di Bolzano per la scelta del nuovo direttore generale Andrea Zeppa vogliamo ribadire i nostri dubbi sul senso dei direttori di dipartimento.

Già a inizio anno in un’interrogazione consiliare („La piramide dorata“) abbiamo sollevato la problematicità dei direttori di dipartimento. Questi ufficialmente hanno la funzione di anello di congiunzione tra politica ed amministrazione. In realtà però si tratta di chiamate esclusivamente politiche e spesso servono per piazzare persone dall’entourage dei partiti di maggioranza. L’effetto-domino dell’abbandono dei direttori, mai visto prima in questà entità (sono già „caduti“ 5 su 8 direttori di dipartimento di questa giunta!) lo conferma in maniera fin troppo evidente.

Secondo noi sono propio superflui. Superflui e cari. Una brava assessora o un bravo assessore deve essere in grado, assistito dal/la referente personale, di interagire con i 4-5 direttori di ripartizione del suo assessorato per gestire la guida politica dell’amministrazione. Ricordiamo i costi: nel 2015 i direttori di dipartimento guadagnarono tra i 76.954,48 Euro (Carmen Plaseller, chiamata nel corso dell‘anno) e 142.716,05 Euro (Valentino Pagani) risp. 158.233,53 Euro (Eros Magnago). A queste cifre vanno aggiunte quelle dei referenti personali (complessive 559.000 Euro nel 2014).

Ciò significa che 23 persone gravano con oltre  2milioni l’anno sulla spesa pubblica. Nel momento che in tutta la provincia c’è un violento dibattito sulle necessarie priorità politiche ed economiche da porre, bisogna urgentemente ridiscutere il senso dei direttori di dipartimento.

La legge sugli incarichi dirigenziali che è in fase di preparazione ne offrirà occasione. La direzione da intraprendere sarebbe certamente quella di rafforzare la posizione dei direttori e delle direttrici d’ufficio. Innovazione, leadership, sviluppo: normalmente nascono lì dove si elaborano i progetti, quindi bisognerebbe puntare con forza sul management medio. Ma temiamo che alla fine saranno proprio rivalutati i piani più alti – dove è più facile e immediato l’intervento politico.

Sarebbe questo, comunque un fatale segno di debolezza – peraltro già testimoniato dai „fuggitivi“ direttori di dipartimento… che, uno dopo l’altro, scappano via dalla sfera d’influenza dei loro capi politici.

 

                                                                                                                                 22.07.2016

Consiglieri provinciali

Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Aeroporto: la giunta non si sogni di aggirare il risultato del referendum!

160525_FB_Header_ThemaLa scorsa settimana il Consiglio provinciale è tornato a discutere dell’aeroporto di Bolzano, in connessione con l’articolo 4 dell’assestamento di bilancio, che prevede la cessione o la liquidazione della società ABD. Dai discorsi fatti dal Presidente Kompatscher e da altri sostenitori dell’aeroporto è emersa una interpretazione esclusivamente finanziaria del risultato del referendum.
Si tratta di una interpretazione riduttiva. Il ritiro del finanziamento pubblico era certamente un tema del referendum, ma non l’unico. Il 12 giugno infatti si è votato – dopo 6 mesi di discussione – su una legge che prevedeva il potenziamento dell’aeroporto e la maggioranza schiacciante ha bocciato questo potenziamento. Il fondamentale mandato che la politica ha ricevuto dunque dalle cittadine e dai cittadini e quello di “depotenziare” il più possibile lo scalo bolzanino. Per questo, che la Provincia esca o liquidi ABD non basta: la questione decisiva è cosa si fa dell’aeroporto di Bolzano, prima ancora di decidere chi la fa.
Il sospetto che ci è venuto ascoltando gli interventi di molti fautori dell’aeroporto di Bolzano, è che essi sperino che alla Provincia subentri un gruppo di privati che faccia poi quel potenziamento che, dopo il voto del 12 giugno, la Provincia non può più fare senza perdere la faccia.
A conferma, ci ha preoccupato che la Giunta non abbia accettato la nostra mozione per il ripristino del Piano urbanistico di Laives nella situazione precedente alla modifica d’ufficio della Provincia che rende possibile l’allungamento della pista dagli attuali 1292 metri a 1432 metri, secondo il Masterplan del 2011. Auspichiamo che quando la richiesta arriverà ufficialmente dal comune di Laives, la Giunta la prenderà in più seria considerazione.
Altrimenti davvero verrebbe confermato che il piano B della lobby aeroportuale, dopo la batosta del referendum, è di far fare ai privati quello che la politica non può fare più. Ma con questo “potenziamento tramite privatizzazione” la Giunta provinciale aggirerebbe il risultato del referendum e tradirebbe la volontà di oltre il 70% delle cittadine e dei cittadini.
Non possiamo consentire un tale tradimento. Ci appelliamo a tutte le persone che si sono battute per il No al referendum di restare all’erta e continuare l’impegno.
Il gruppo Verde farà la sua parte come sempre: con decisione e coerenza.

Bolzano, 18 luglio 2016

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

1 - 14512345...102030...»
Monaco: Preoccupazione e solidarietà

Monaco: Preoccupazione e solidarietà

Monaco ha alle spalle una notte di caos e paura. Questo ci tocca. Monaco è la metropoli a noi più vicina geograficamente e molti di noi vi hanno dei legami per motivi di studio, lavoro o parentela. Noi Verdi del Sudtirolo esprimiamo la nostra soli[...]
Il grande esodo dagli assessorati

Il grande esodo dagli assessorati

 L’auto-eliminazione dei direttori di dipartimento è un chiaro segnale che sono superflui  Nel congratularci con il Comune di Bolzano per la scelta del nuovo direttore generale Andrea Zeppa vogliamo ribadire i nostri dubbi sul senso dei direttori [...]
Aeroporto: la giunta non si sogni di aggirare il risultato del referendum!

Aeroporto: la giunta non si sogni di aggirare il risultato del referendum!

La scorsa settimana il Consiglio provinciale è tornato a discutere dell'aeroporto di Bolzano, in connessione con l'articolo 4 dell'assestamento di bilancio, che prevede la cessione o la liquidazione della società ABD. Dai discorsi fatti dal President[...]
Pedala anche tu!

Pedala anche tu!

Per promuovere la mobilità sostenibile partecipiamo al cicloconcorso Alto Adige! "Pedala anche tu" e scegli Verdi Grüne Vërc come organizzazione! [...]
„Mantenere quel che c'è di buono“: chi se lo ricorda?

„Mantenere quel che c'è di buono“: chi se lo ricorda?

„Mantenere quel che c'è di buono, avere il coraggio del nuovo“: questo lo slogan elettorale della Svp nel 2013. Si prometteva un nuovo stile in politica, il coinvolgimento di cittadine e cittadini e nel settore sanità “ha priorità il mantenimento e l[...]
Aeroporto: garantire le competenze della Provincia

Aeroporto: garantire le competenze della Provincia

Il Gruppo Verde ha depositato un Disegno di legge sui poteri della Provincia e un ordine del giorno a salvaguardia dei dipendenti. Con l’articolo 4 della legge di assestamento di bilancio (nr. 89/16) la Provincia dismette ABD e si ritira dalla ges[...]
Fontanelle sulle stazioni e indagine conoscitiva sulla tratta

Fontanelle sulle stazioni e indagine conoscitiva sulla tratta

Il Consiglio della Provincia approva due mozioni dei verdi Da oggi in poi possiamo sperare di vedere riattivate le fontanelle dell'acqua sulle banchine delle stazioni in Alto Adige. Il Consiglio provinciale ha approvato la mozione verde in cui si [...]