1 - 8912345...102030...»

Ah, come sparate male!

DreierLandtag 2014 Brigitte Foppa… disse l’albergatore Hofer al plotone di esecuzione.
Dopo il botta e risposta con i colleghi dei Freiheitlichen durante la seduta congiunta dei tre consigli provinciali di Tirolo, Sudtirolo e Trentino di ieri a proposito dell’inno euroregionale, tramite comunicato stampa ci siamo sentiti dare dei codardi, perché ci siamo opposti alla loro proposta di istituzionalizzare il canto di Andreas Hofer „A Mantova in catene“ come inno dell’Euregio. Una bella sparata… e una pessima mira, ci sentiamo di dire.
Non ci siamo opposti a un „inno“ comune per l’Europaregione Tirolo-AltoAdige/Südtirol-Trentino, al contrario: abbiamo addirittura fatto delle controproposte, come un pezzo musicale ex-novo composto da giovani musicisti delle tre province, con testo multilingue o addirittura senza parole.
Anche noi siamo dell’idea che la musica unisca. Ma ci siamo chiaramente opposti a un testo che alla fine della fiera non è altro che la cronaca di una esecuzione. Molto spesso, quando si canta, non si è consapevoli delle parole, ma il testo della canzone dedicata ad Andreas Hofer non è altro che un testo militaristico („La morte che lui stesso parecchie volte aveva mandato in valle, dal Monte Isel“) e inneggiante alla battaglia („voglio morire come ho combattuto“, dice Hofer quando si rifiuta di inginocchiarsi per l’esecuzione).
In un’epoca dove quasi giornalmente veniamo scossi da notizie e immagini di esecuzioni in altre parti del mondo, neanche troppo lontane, riteniamo che non sia un segnale rivolto al futuro basare l’unione e la cooperazione tra i nostri tre territori sulla storia di una esecuzione militare.
Abbiamo bisogno di racconti che parlino di comunione, che si rivolgano a gruppi di lingue, generazioni e generi diversi. Un racconto militare, la cronaca di un sacrificio, invece, sarà sempre un elemento di divisione e di esclusione.
Abbiamo bisogno di prendere un’altra strada, di segnare un nuovo inizio, invece che perseguire sempre il solito vecchio sentiero. Il cambiamento richiede di solito molto più coraggio che seguire le orme „rassicuranti“, solo perchè conosciute, del passato.

Brigitte Foppa
Hans Heiss

BZ, 29.10.2014

Zu Mantua in BandenDer treue Hofer war,
In Mantua zum Tode
Führt ihn der Feinde Schar.
Es blutete der Brüder Herz,
Ganz Deutschland, ach, in Schmach und Schmerz.
Mit ihm das Land Tirol,
Mit ihm das Land Tirol.Die Hände auf dem Rücken
Der Sandwirt Hofer ging,
Mit ruhig festen Schritten,
Ihm schien der Tod gering.
Den Tod, den er so manchesmal,
Vom Iselberg geschickt ins Tal,
Im heil’gen Land Tirol,
Im heil’gen Land Tirol.Doch als aus Kerkergittern
Im Festen Mantua
Die treuen Waffenbrüder
Die Händ’ er strecken sah,
Da rief er laut: “Gott sei mit euch,
Mit dem verrat’nen deutschen Reich,
Und mit dem Land Tirol,
Und mit dem Land Tirol.”Dem Tambour will der Wirbel
Nicht unterm Schlegel vor,
Als nun der Sandwirt Hofer
Schritt durch das finst’re Tor,
Der Sandwirt, noch in Banden frei,
Dort stand er fest auf der Bastei.
Der Mann vom Land Tirol,
Der Mann vom Land Tirol.Dort soll er niederknie’n,
Er sprach: “Das tu ich nit!
Will sterben, wie ich stehe,
Will sterben, wie ich stritt!
So wie ich steh’ auf dieser Schanz’,
Es leb’ mein guter Kaiser Franz,
Mit ihm sein Land Tirol!
Mit ihm sein Land Tirol!”Und von der Hand die Binde
Nimmt ihm der Korporal;
Und Sandwirt Hofer betet
Allhier zum letzten Mal;
Dann ruft er: “Nun, so trefft mich recht!
Gebt Feuer! Ach, wie schießt ihr schlecht!
Ade, mein Land Tirol!
Ade, mein Land Tirol!” »
A Mantova in catenestette il fedele Hofer
La schiera dei nemici
lo portava alla morte.
Pianse il cuore dei fratelli,
tutta la Germania,
oh, di dolore e vergogna.
E con essa la regione del Tirolo, con essa la regione del Tirolo.Le mani legate sulla schiena
camminò l’albergatore Hofer.
Con passo tranquillo e fermo,
la morte gli sembrò facile.
La morte che lui stesso parecchie volte aveva mandato in valle, dal Monte Isel.
Nella sacra regione del Tirolo,
la sacra regione del Tirolo.Ma quando dalle grate del carcere
nella fortezza di Mantova
vide i fedeli fratelli di armi allungare le mani,
allora chiamò a voce alta:
“Dio sia con voi,
con il tradito Regno di Germania
e con la regione del Tirolo,
la regione del Tirolo.”Al tamburo non riesce il rullo,
quando l’albergatore Hofer
attraversò la porta buia.
L’albergatore,
libero anche nelle catene,
lì stette, fermo, al bastione.
L’uomo del Tirolo,
l’uomo del Tirolo.Là deve inginocchiarsi, ma disse:
“Non lo faccio.
Voglio morire in piedi,
voglio morire come ho combattuto!
Così come sto in questa trincea,
viva il mio buon imperatore Franz,
e con esso la regione del Tirolo,
con esso la regione del Tirolo!”E il caporale gli tolse la benda dalla mano
e l’albergatore Hofer
qui pregò per l’ultima volta.
Dopo esclamò: “
Allora colpitemi!
Fuoco!
Ah, come sparate male!”
Addio, mio Tirolo,
addio mio Tirolo!

DreierLandtag 2014

 

 

Una Convenzione per il nuovo Statuto di Autonomia

Disegno di legge provinciale

Una Convenzione per la riforma dello Statuto di Autonomia per l’Alto Adige-Südtirol

2014 10 16 PressekonferenzKonvent-Convenzione_BrigitteFoppaPerché rielaborare lo Statuto d’Autonomia?

Da diverso tempo ormai, fronti diversi della politica e della società richiedono con forza l’avvio della rielaborazione dello Statuto di Autonomia, affinché questo corrisponda finalmente a una realtà profondamente cambiata rispetto al 1972 e in modo che tutta la popolazione sudtirolese se ne senta rappresentata.

Nonostante a livello statale si possa osservare la tendenza a un approccio centralizzato sulle riforme costituzionali, riteniamo che sia proprio questo il momento giusto per affrontare una riforma statutaria che sfrutti e ampli il clima positivo a livello locale a favore dell’Autonomia. Una Convenzione in cui viene data voce a tutte le più svariate componenti di una società, in quanto organo costituente, è lo strumento adatto a ristabilire le basi dell’ordinamento giuridico. Un processo partecipato adeguatamente moderato può facilitare un dibattito stimolante e lo sviluppo di una cornice normativa consona alla realtà attuale e rivolta al futuro.

Dal 2001 i cambiamenti a livello politico locale ed europeo sono stati grandi: la Regione Trentino-AltoAdige/Südtirol è stata via via depotenziata, mentre il ruolo delle due Province è stato rafforzato con l’acquisizione di sempre maggiori competenze. La creazione dell’Euroregione e del Gruppo europeo di cooperazione territoriale (GECT) ha spinto verso la cooperazione transfrontaliera e verso una dimensione regionale post-nazionale dello spazio alpino e dell’Europa tutta. I livelli di governance esistenti sono dunque molti e confusi: tra competenze esclusive, concorrenti, integrative e trasferite a livello statale, regionale, e provinciale la Convenzione può e deve fare chiarezza, così come può definire meglio il ruolo della sussidiarietà, specialmente in una nuova definizione del rapporto tra Comuni e Provincia.

2014 10 16 PressekonferenzKonvent-ConvenzioneAl vaglio della Convenzione va anche messa la dimensione civile dell’Autonomia. In questo modo saranno da riposizionare le relazioni dei Gruppi linguistici classici (della popolazione di lingua tedesca, italiana e ladina), profondamente cambiate dal 1972, ma dovranno trovarvi spazio anche altri gruppi, come quelli di genere diverso (specialmente le donne), di generazioni diverse (giovani e anziani) e di provenienze diverse (immigrati). E in tutto questo processo non dobbiamo dimenticare una costituente silenziosa, ma fondamentale per il nostro territorio, quella della natura, del paesaggio e dell’ambiente, alla quale la Convenzione vorrà, speriamo, dare adeguata attenzione.
Queste sono solo alcune delle argomentazioni a supporto dell’urgente necessità di una Convenzione per la rielaborazione dello Statuto di Autonomia. Come invece tale processo potrebbe funzionare, viene spiegato di seguito.

Obiettivi, quadro istituzionale e tempistica

L’obiettivo della Convenzione è quello di riesaminare lo Statuto di Autonomia nella sua validità e attualità. Affinché il nuovo Statuto di Autonomia possa ricevere il più ampio consenso da parte dei cittadini e delle cittadine prima dell’approvazione finale in Parlamento, esso non può essere riscritto solo a livello istituzionale, in un accordo necessario tra Stato e Provincia, ma deve coinvolgere la società civile.

Convenzioni per la rielaborazione di Statuti e Costituzioni non sono una novità. Diversi Paesi e varie Regioni d’Europa ne hanno fatto uso, come la Regione Friuli Venezia Giulia, il Bundesland tedesco dell’Assia, l’Austria, l’Islanda. La Provincia di Bolzano ora non deve fare altro che imparare da queste altre esperienze.
Alla fine della Convenzione, la quale durerà 18 mesi dall’approvazione della legge, al suo punto d’arrivo quindi, ci sarà un disegno di legge per la riforma dello Statuto di Autonomia. Questo verrà poi presentato al Consiglio Provinciale per l’approvazione, esposto in Consiglio Regionale e inviato al Parlamento dove dovrà essere discusso e approvato da entrambe le Camere.

Insediamento, Composizione e Principi di lavoro

La Convenzione sarà un organo autonomo, ma per evitare divergenze e incompatibilità tra il lavoro del Consiglio Provinciale e la Convenzione, vi dovranno essere dei punti di collegamento. Perciò in questa Proposta di Legge l’Assemblea della Convenzione è composta in parti uguali da rappresentanti della Politica organizzata e da rappresentanti della Società civile. Per consolidare poi tutto il lavoro da un punto di vista scientifico e giuridico e per perfezionarne la qualità, viene previsto un terzo organo, un po‘ più ridotto: il „Consiglio degli esperti“, composto da esperti di diritto costituzionale, scienze politiche, sociali e di storia, e che verrà nominato dal Consiglio Provinciale.
Il “Consiglio della politica” sarà composto da membri della Presidenza e della Prima Commissione legislativa del Consiglio provinciale, integrati con i/le rappresentanti delle forze politiche non presenti in questi due organi e con rappresentanze comunali e parlamentari.

P2014 10 16 PressekonferenzKonvent-Convenzione_NetzwerkPartizipationiù complesso è il processo di costituzione del “Consiglio delle cittadine e dei cittadini”. Per garantire la più ampia rappresentatività è importante che non vi entrino solo quelle persone che da tempo si occupano più o meno professionalmente dei temi dell’Autonomia. Per questo, nella nostra proposta di legge, si opta per una modalità a sorteggio stratificato, con cui si possono evitare quei classici meccanismi gerarchici o di polarizzazione tipici delle procedure elettive e con cui è possibile garantire una rappresentanza equilibrata di tutta la popolazione residente in Alto Adige.

Indispensabile per il buon funzionamento del processo descritto nella nostra legge con scadenze e modalità di lavoro principali, è un eccellente gruppo di conduzione. La „Guida della Convenzione“ è composta da un team di professioniste/i che istruiscono il processo, lo accompagnano, lo moderano e lo verbalizzano. Responsabile per tutto il processo e guida dell’Assemblea della Convenzione è il/la presidente del Consiglio provinciale.
Per rendere davvero possibile la partecipazione ai lavori della Convenzione a tutti/e, luoghi, date e rimborsi devono essere così concepiti da permettere anche a giovani genitori/rici o a lavoratrici e lavoratori di poter partecipare alle riunioni.

Principi indispensabili della Convenzione sono dunque la partecipazione, la trasparenza e l’apertura al pubblico, per cui tutte le riunioni devono essere pubbliche e accessibili. Tutti i cittadini e le cittadine potranno assistere e commentare online le varie sedute e così anche i temi e le discussioni che emergeranno da questo forum on-line saranno integrati nell’ordine del giorno.

All’interno della Convenzione tutti/e hanno uguale diritto di parola, anche se ricoprono una determinata funzione. Tutti/e sono per prima cosa cittadine e cittadini, anche se rappresentano un particolare gruppo di interesse, e per questo motivo, all’inizio dei lavori della Convenzione, tutti e tutte sono chiamati/e a promettere di partecipare ai lavori nel rispetto della Costituzione e con la finalità del Bene Comune.

In questo spirito la nuova stagione della nostra Autonomia può, anzi, deve essere avviata con un processo collettivo, innovativo aperto e dialogico. Forse è l’unica via per trasformare la nostra Autonomia da elemento di gestione dei poteri in un progetto condiviso, un progetto “sentito” dalle persone che vivono in questa terra. Ci piacerebbe che fossero proprio loro a scriverne anche il futuro.

Bolzano, 16 ottobre 2014

Consiglieri provinciali

Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Soccorrere i profughi è un dovere umanitario

2014 10 11 incontro profughi brenneroAl Brennero incontro dei Verdi di Tirolo e Alto Adige.
Dopo che il Consiglio provinciale ha respinto la mozione dei Verdi che proponeva di creare al Brennero un centro di accoglienza per i profughi, l’incontro al Brennero con Christine Baur, assessora nel governo tirolese dal 2013 con la competenza per i profughi, è arrivato nel momento più opportuno.

Il Tirolo si dimostra molto più generoso con i profughi che non il Sudtirolo: sono oltre 2.000 in questo momento i profughi di cui si fa carico il Tirolo, che ha una popolazione di 1,5 volte quella nostra, mentre in Sudtirolo i profughi accolti sono 250.

Inoltre il Tirolo ha preso atto che, di fronte a persone in fuga dalla guerra e spesso traumatizzate, bisogna andare oltre la disputa sulle competenze: „Noi ce ne occupiamo, e basta!“ ha detto Christine Baur, che comunque ha sottolineato la mancanza di un’efficace politica coordinata a livello europeo.

Nonostante questo il Tirolo offre una prima accoglienza, un letto, un pasto e una doccia a quei profughi che, sorpresi nel loro viaggio verso il nord Europa, devono poi essere riaccompagnati in Italia. Sul lato sud del Brennero la situazione è molto peggiore e le istituzioni non sono capaci di offrire nulla di simile. Lo Stato fa finta di non vedere, la Provincia dice che sarebbe competenza dello Stato, e in questo rimpallo di responsabilità chi ha la peggio sono i profughi.

Noi Verdi al Brennero abbiamo voluto testimoniare che, di fronte a persone in difficoltà, prive di tutto e in fuga dalla guerra, il soccorso è un’assoluta priorità. La Provincia dovrebbe orientarsi all’esempio del Tirolo, invece di scaricare la responsabilità sullo Stato, com’è accaduto ieri in Consiglio provinciale. Bisognerebbe smetterla di discutere „SE“ l’Alto Adige debba accogliere i profughi, ma „COME“ accoglierli.

E’ un dovere umanitario, sia di qua che di là del Brennero.

In occasione della seduta del Dreierlandtag il 28 ottobre deve essere trovato un momento in cui poter scambiare informazioni e individuare soluzioni comuni tra Tirolo, Alto Adige e Trentino.

Florian Kronbichler
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

1 - 8912345...102030...»
Ah, come sparate male!

Ah, come sparate male!

... disse l'albergatore Hofer al plotone di esecuzione. Dopo il botta e risposta con i colleghi dei Freiheitlichen durante la seduta congiunta dei tre consigli provinciali di Tirolo, Sudtirolo e Trentino di ieri a proposito dell'inno euroregionale, [...]
Una Convenzione per il nuovo Statuto di Autonomia

Una Convenzione per il nuovo Statuto di Autonomia

Disegno di legge provinciale Una Convenzione per la riforma dello Statuto di Autonomia per l’Alto Adige-Südtirol Perché rielaborare lo Statuto d’Autonomia? Da diverso tempo ormai, fronti diversi della politica e della società richiedono con forz[...]
Soccorrere i profughi è un dovere umanitario

Soccorrere i profughi è un dovere umanitario

Al Brennero incontro dei Verdi di Tirolo e Alto Adige. Dopo che il Consiglio provinciale ha respinto la mozione dei Verdi che proponeva di creare al Brennero un centro di accoglienza per i profughi, l’incontro al Brennero con Christine Baur, assess[...]
Alluvione a Genova: necessario un aiuto anche da parte della Provincia di Bolzano

Alluvione a Genova: necessario un aiuto anche da parte della Provincia di Bolzano

L’alluvione del torrente Bisagno a Genova sarebbe stato prevedibile, dopo le analoghe catastrofi del 1974 e del 2011 e ha provocato gravissimi danni a una città totalmente impreparata. I gravi danni provocati dalle esondazioni superano le forze e le [...]
Sanità ancora senza diagnosi e terapia

Sanità ancora senza diagnosi e terapia

Da settimane assistiamo a un tentativo zoppicante e incompiuto di riforma sanitaria. Questo procedere a zig-zag da parte della SVP, incluso gioco di potere neopaternalista nei confronti della assessora che prima viene lanciata in avanti e poi bocciat[...]

DAI COMUNI

Appuntamenti

  • 03/11/2014

    Grüne Frauen*Donne Verdi
    Start: 18:00
    Ende: 20:00
    Ort: Bindergasse, 5, Bozen
    div>

  • 04/11/2014

    Democrazia è partecipazione/Mitreden und Gewinnen
    Start: 19:30
    Ende: 22:00
    Ort: Egna-Neumarkt, Bozen

  • 05/11/2014

    RIQUALIFICAZIONE URBANA E PARTECIPAZIONE CIVICA - STADTAUFWERTUNG UND BÜRGERBETEILIGUNG
    Start: 20:00
    Ende: 22:00
    Ort: Sala di Rappresentanza del Comune di Bolzano
    div>

AZIONI